15 thoughts on “Gli analgesici in fitoterapia: idee chiare e risultato sicuro

  • 16 Novembre 2009 in 11:09
    Permalink

    gradirei sapere il costo di questi analgesici .grazie
    * artiglio del diavolo
    *boswellia
    *spirea olmaria

    • 16 Novembre 2009 in 17:06
      Permalink

      Salve Angela…
      Il costo di prodotti TITOLATI reperibili in Farmacia può variare tra i 12 e i 15 €
      per confezioni da 50 capsule(puoi cercare prodotti della Pharbenia-Bayer).

      Per terapie lunghe il vero risparmio puoi ottenerlo su fitopreparazioni (galeniche) effettuate in
      Farmacia dal Farmacista Fitopreparatore…. In questo caso fammi sapere.

      grazie
      un caro saluto
      dr Renato

  • 1 Dicembre 2009 in 16:20
    Permalink

    Caro dottor Raimo,
    una semplice domanda :”esiste in commercio un prodotto che contenga insieme l’artiglio del diavolo, la boswellia e la spirea olmaria?”
    In attesa di cortese urgente riscontro, ringrazio.

  • 2 Dicembre 2009 in 00:35
    Permalink

    Buonasera Antonio…
    non credo esista in commercio un composto tale e che rispetti i dosaggi giusti dei singoli rimedi.
    Nel mettere insieme tre rimedi in una sola capsula dovremmo ridurre la quantità dei singoli rimedi riducendo l’efficacia non tanto antidolorifica di artiglio e spirea che comunque agirebbero in sinergia quanto quella antiinfiammatoria della boswellia.
    La boswellia è bene assumerla da sola nei dosaggi giusti per due mesi, mentre dosaggi elevati di artiglio e spirea sono necessari solo per migliorare la risposta antidolorifica ma per un periodo di 15-30 giorni.

    Per semplificarle la risposta, se i suoi dolori sono persistenti e ha fatto tutti gli approfondimenti del caso assuma ARTIGLIO DEL DIAVOLO estratto secco titolato 4 capsule al giorno per 30 giorni e BOSWELLIA 2 capsule al giorno per 2 mesi.
    Mi raccomando NON ASSUMA ARTIGLIO E SPIREA SE FA USO DI ANTICOAGULANTI (aspirinetta, cardioaspirin…) perchè aumenta l’effetto dei farmaci e comunque chieda parere al suo medico curante ogni qualvolta decide di associare un rimedio fitoterapico ad altre terapie in corso.
    Un caro saluto
    dr renato
    dr Raimo
    Sperando di essere stato esaustivo le

  • 14 Gennaio 2010 in 19:21
    Permalink

    Caro dottor Raimo,
    leggendo il vostro articolo su sapere e salute mi sono interessato alla boswellia.in farmacia abbiamo trovato capsule con un concentrato del 65%.vorrei sapere che dosaggio giornaliero prendere prendere.o eventualmente se mi puo’ indicare qualche marca da cercare.
    la ringrazio.

    • 24 Febbraio 2010 in 21:27
      Permalink

      Gentilissimo Fabio, mi scuso per il ritardo con il quale rispondo al suo quesito. Pensavo di averlo già fatto! Il prodotto da lei indicatomi è valido se il 65% si riferisce al titolo inimo in Acidi Boswellici.
      La Boswellia della linea Pharbenia-Bayer riporta un titolo al 70 % quindi ancora meglio. Con un prodotto simile sono sufficenti 1 capsula due volte al giorno anche per due mesi.

      la saluto e mi scuso nuovamente.
      dr Renato

  • 20 Febbraio 2010 in 19:42
    Permalink

    Gentile dottore ho letto con interesse il suo articolo degli analgesici. L’ho trovato moltyo interessante perchè anche io sofro di dolori alle ossa soltanto di notte stando a letto. Secondo lei posso prendere la boswellia o l’artiglio del diavolo?
    Ho pure un cane con un altrosi alla zampa anteriore posso somministrare anche a lui queste fito terapie per non darle troppi medicinali?
    Attendo gentilmente una sua risposta

    • 24 Febbraio 2010 in 21:47
      Permalink

      Carissima Dora, non conoscendo la sua età non posso sbilanciarmi su ipotesi, ma
      la prima cosa sulla quale riflettere visto che il dolore è notturno è lo stato e la qualità del suo materasso. Non mi addentro in questo argomento ma le consiglio, se non l’avesse ancora fatto, di dormire su materassi e cuscini con materiale espansibile in modo da dare equilibrio alla postura notturna.
      Detto questo provi anche a dormire con un cuscino bassissimo tra le ginocchia.

      Come rimedi le confermo l’uso di Artiglio come antidolorifico 2 capsule prima di coricarsi e due dopo colazione. Boswellia come antiinfiammatorio PER 2 MESI ASSUMENDO UNA CAPSULA DUE VOLTE AL DI.
      Anche per il cane potrebbe usare artiglio e boswellia…per il dosaggio dipende dalla stazza.
      la saluto
      dr Renato

  • 2 Aprile 2011 in 14:20
    Permalink

    Ho l’artrite reumatoide, esplosa in tutte le articolazioni circa un anno fa. Ho preso una montagna di cortisone che mi ha alzato la glicemia e adesso ho anche il diabete ( lo curo con metformina). Prendo allopurinolo per l’uricemia alta, anche se sono vegetariana. Prendo blopress per la pressione.
    Mi sono resa conto che tutti i medicinali che prendo non mi aiutano e mi procurano altri guai. Ho deciso, quindi , di passare alla medicina alternativa. Ultimamente, ho smesso di prendere cortisone, plaquenil e metotrexate per l’artrite reumatoide. Cercando su internet, ho scoperto la boswellia e l’artiglio del diavolo (oltre a curcuma, ortica, ribes nero, ephinal, aloe vera,arnica, che alterno)e devo dire che sto meglio, anche se dolori e gonfiori ci sono sempre.Inoltre, facendo la prova per la glicemia, mi sono accorta che il mio sangue è diventato molto diluito.
    Posso andare avanti così? Sono sostanze che mi fanno solo sentir meglio, ma non mi curano? Sto esagerando con i vari integratori? Sulla boswellia serrata c’è scritto che devo prenderla al mattino a digiuno: va bene o devo prenderla a stomaco pieno e durante il giorno?
    I medicinali tradizionali che prendevo avevano lo scopo di abbassare l’attività del sistema immunitario, mentre la fitoterapia tende a migliorarlo.A me sembra più logica la seconda soluzione, ma perchè questa enorme differenza?La boswellia e l’artiglio l’abbassano o lo migliorano? E riguardo il metabolismo degli zuccheri, si comportano come il cortisone, bloccandolo?
    Queste sostanze interferiscono con gli altri farmaci che devo prendere?
    Chiedo scusa per le troppe domande, ma i miei medici non vogliono sentir parlare di queste cose e devo fare da sola.
    Ringrazio e saluto
    Lucia

    • 22 Aprile 2011 in 01:07
      Permalink

      Carissima Lucia, tante domande così in una volta richiederebbero un dialogo diretto più che una risposta scritta. Proverò a darle dei suggerimnenti che al tempo spero siano dei chiarimenti.
      BOSWELLIA è fondamentale perchè riduce notevolmente il processo infiammatorio degenerativo. Fino a sei mesi di terapia continuativa con qualche giorno di pausa ogni 40 giorni. La posologia una capsula al mattino e una alla sera lontano dai pasti.
      Nessuna controindicazione o interazione con altri farmaci.
      ARTIGLIO del DIAVOLO è il migior antidolorifico naturale. Posologia 2-4 capsule secondo l’intensità del dolore anche per un mese consecutivo. Unica controindicazione, evitare l’assunzione di altri prodotti contenenti salicilati o farmaci anticoaugulanti.
      ARNICA MONTANA 30 CH granuli…rimedio omeopatico 5 granulini tutte le mattine da sciogliere sotto la lingua.
      Provi questa associazione e poi ci risentiamo. Nessuna interazione sul metabolismo degli zuccheri.
      COrdiali saluti
      dr Renato

  • 21 Aprile 2011 in 21:46
    Permalink

    signora Lucia ho letto con attenzione la sua esperienza non so quanti anni ha ma io dieci anni fa’ne avevo 37 e mi scoprirono qualcosa simile alla sua pero’ dolori nelle falangi e mi diedero la metotrexate ma dopo aver letto gli effetti collaterali feci una personale ricerca su internet e mi sono imbottita di cartilagine di squalo e’ un’integratore e ho potuto lavorare a dei macchinari solo i pesi non posso portare ma cosi’ho potuto bloccare la degenerazione della patologia mi scuso con il dott.Raimo forse se l’ avessi conosciuto prima,ma comincio ora a curarmi per altri disturbi. arrivederci e auguri per la salute Maria langella

  • 6 Giugno 2012 in 17:17
    Permalink

    Gentilissimo dottor Raimo vorrei sapere se posso assumere la boswellia avendo il morbo di crohn grazie

  • 17 Giugno 2012 in 20:42
    Permalink

    Sono Lucia del 2 aprile 2011.
    Ho preso fitoterapici per molto tempo.Sono stata anche da un’omeopata che mi ha dato cose di cui non capisco l’azione.
    Risultato: in generale avevo riacquistato energia, mi sentivo normale, ma i dolori non sono mai andati via. Ho sperato inutilmente in un periodo di remissione e alla fine ho smesso tutto.
    Vivo da schifo, ho perso tutti gli impegni che avevo, perchè non so come starò il giorno dopo. Sempre più spesso ho colpi di stanchezza comatosa che precedono un’esacerbazione dei dolori. Ho l’impressione di avere due malanni: uno mi tormenta le ossa e le articolazioni, l’altro mi prende i muscoli che lavorano sempre meno e mi fanno sempre più male se li adopero. Inoltre, non riesco a perdere i chili che mi ha regalato la montagna di cortisone presa senza che il medico facesse controlli, perchè faccio vita completamente sedentaria (quando cammino un po’ mi viene la febbre) e il peso peggiora la situazione.
    Dovrei riprendere a curarmi, ma non so come. Vorrei andare da un buon neurologo, anche per accertare di che tipo è la neuropatia che mi avevano trovato (ho un sospetto per la sclerosi multipla), ma non riesco a fare i gradini e quindi non posso prendere mezzi pubblici o schiacciare la frizione fino in fondo quando guido.
    I farmaci che distruggono il sistema immunitario non li voglio più.
    Ho ripreso Boswellia, Artiglio, arnica, dimetilglicina, calcio, vitamine, magnesio… Ma non so se ci sono risultati.
    Che consiglio mi può dare?
    La ringrazio per l’attenzione.

  • 24 Novembre 2012 in 15:17
    Permalink

    scusi sono nuova ma volevo sapere una cosa a parer mio molto importante io sto usando interferone per sclerosi multipla ma sto usando anche artiglio del diavolo in goccie volevo sapere gentilmente se ci sono effetti indesiderati grazie

  • 2 Marzo 2016 in 22:49
    Permalink

    gent.dott Raymo,soffrono di artrite reumatoide, sono in terapia con methotrexate,humira e medrol, dal momento che è una malattia autoimmune, volevo sapere se essendo piante immunostimolanti la curcuma e l’uncaria, possono avere effetti negativi sulla mia malattia, essendo una reazione spropositata del sistema immunitario e quindi in teoria avrei bisogno di un immuno immunomodulante naturale o immunosoppressoremodulante/ o immunosoppressore naturale. E se la Boswelia,riesce a sfiammare i tendini, essendo poco irrorati da vai sanguigni,se quest’ultima, ha un potere antinfiammatorio più elevato, rispetto, all’artiglio del diavolo. La ringrazio anticipatamente

I commenti sono chiusi.